NightRow a Vienna: oro e bronzo Lombardia

Galleria fotografica finali e premiazioni

IMG_1410

Successo storico per il Comitato FIC Lombardia che alla sua prima partecipazione alla Night Row di Vienna sigla l’oro con l’otto femminile e il bronzo con l’ammiraglia maschile. Una giornata  tutta in crescendo, che ha visto brillare i ragazzi fin dalle qualificazioni. Sul campo tutto è perfetto, come per le grandi occasioni. Si respira la tensione, ma c’è anche aria di festa con le società che addobbano le imbarcazioni con lucine colorate.

Sono le 21.50, in partenza c’è la finale dell’otto junior femminile. Appello, semaforo e start. L’ammiraglia di Carolina Vanini, Margherita Recchia (Tremezzina), Benedetta Bulgheroni e Rebecca Carente (Varese), Matilde Sturaro, Chiara Biolcati, Matilde Barison, Greta Schwartz (Gavirate) e il timoniere Giulia Clerici (Moltrasio) scatta fortissimo in partenza. Ruderverein Staw (Austria) e Elbtalachter Dresden (Germania) non riescono a tenere l’otto rosa lombardo. Negli ultimi 100 metri l’attacco di Austria e Germania è simultaneo ma l’ammiraglia regionale non si lascia intimorire e sul traguardo brinda all’oro con il tempo di 1:06,36. Seconda la Germania (1:10,89) e terza Austria (1:14,56). Commenta così il timoniere Giulia Clerici: “Siamo state davanti per tutta la gara. Le ragazze sono state bravissime, perfettamente coordinate e determinate. Il nostro segreto è stata la partenza esplosiva. Una gara emozionante, siamo felicissime e speriamo di poterci tornare”.

Nemmeno il tempo di festeggiare, passano poco più di 5 minuti e alle 22.00 è il momento dell’ammiraglia maschile. Cristian Bertesago (Corgeno), Lorenzo Benzoni (Lario), Stefano Ballerio e Vittorio Spreafico (Varese), Gabriele Brugnoli (Flora), Diego Paroli (Gavirate), Michele Piffaretti (Moltrasio), Simone Mantegazza e il timoniere Lorenzo Finulli (Idroscalo) mettono cuore e carattere, non hanno paura degli avversari. In partenza l’Austria sfila e si porta al comando, Lombardia e Germania lottano per l’argento e il bronzo. Si tirano a vicenda, lanciano la fuga, ma sul traguardo è la Germania che conquista l’argento con il tempo di (1:01,82). Mezzo secondo di vantaggio sui guerrieri lombardi (1:02,36). È il capovoga Vittorio Spreafico a commentare il successo: “La gara è andata molto bene, passata in un fulmine. La rifarei subito, è davvero bellissima. Gareggiare al buio, sentire gli applausi, tutto molto emozionante. Ringrazio compagni e staff, siamo una squadra fortissima”.

Le premiazioni hanno poi chiuso la lunga giornata, ricca di emozioni, e che resterà nei ricordi di tutti.

Luca Broggini – Ufficio Stampa FIC Lombardia