A Piediluco, un Bronzo e tanti risultati di rilievo per la giovane squadra della Canottieri Baldesio

IMG_7349- Foto A_MirimaoCremona, 10 aprile 2018 – C’è soddisfazione in “Casa Baldesio”, per i risultati conseguiti a Piediluco dalla giovane squadra agonistica. Si torna a casa infatti, con un’ottima medaglia di bronzo e il morale alto.

“Tutta la squadra si è comportata benissimo. Gli atleti sono scesi in acqua con la ferma volontà di fare bene e così è stato.” Dichiara con soddisfazione Angelo Gamba, che, insieme al campione olimpico Simone Raineri, lavora quotidianamente con il gruppo agonisti “La medaglia di bronzo dell’esordiente Kerkuku ci gratifica enormemente, insieme alla finale agguantata con grande determinazione dal doppio ragazzi formato da Guareschi e Erbì. Il gruppo è molto giovane, ma possiede ampi margini di crescita sia a livello tecnico che fisiologico. Su questo potenziale, costruiremo il nuovo corso societario.”

Si comincia dalla splendida medaglia di bronzo conquistata in SINGOLO dall’ESORDIENTE Marsida Kerkuku. 17 anni, ai remi da soli 3 mesi, la giovane atleta ha saputo esprimere un ottimo canottaggio e tanta tenacia, che le hanno permesso di salire sul terzo gradino del podio con un tempo decisamente interessante. Marsida ha impressionato tutti, portando il morale di squadra alle stelle.

Centrano la finale di categoria, alla prima esperienza insieme, il DOPPIO RAGAZZI formato da Mario Guareschi e Riccardo Erbì. Un risultato davvero straordinario, dove il contributo di entrambi gli atleti si è rivelato fondamentale: Guareschi, capovoga, ha grinta, focalizzazione e tecnica da vendere, mentre il compagno Erbì, è forte, produttivo, vero motore. Un doppio giovane, ma dal piglio maturo e destinato a crescere. Giungono ottavi nella finale A, non senza aver dato tutto. Complimenti ai giovani guerrieri.

Buona prestazione anche da parte del QUATTRO DI COPPIA JUNIOR, formato da Baldrighi, Murabito, Brancaccio e Monfredini. Non entra in finale, ma offre una prestazione adeguata sulla quale lavorare per migliorare in vista dei prossimi impegni agonistici. Inedita nella formazione, questa barca ha un grande potenziale di crescita, sia dal punto di vista della tecnica che dell’esperienza. Giungono quinti, nella propria batteria.

IMG_8443Giunge al terzo posto in qualificazione Valentina Kerkuku in DOPPIO RAGAZZE, insieme a Lisa Moreno della Canottieri Cernobbio, ma non riesce a raggiungere la semifinale di categoria. Brave comunque, per aver messo in mostra tecnica e determinazione.

Impegnati in DOPPIO JUNIOR, gli atleti Pattoni e Monfredini, con Murabito e Brancaccio giungono rispettivamente al settimo posto e al quarto posto, fermandosi nelle gare di qualificazione. Per loro, un’esperienza produttiva, che ha evidenziato le aree su cui lavorare per far crescere il potenziale.

Presente sul campo di gara, nella doppia veste di Collaboratore della Nazionale Olimpica e Consigliere Canottaggio Baldesio, Giancarlo Romagnoli commenta così il weekend remiero dei suoi ragazzi “Direi che è partita bene questa nuova impostazione della squadra, ho apprezzato e notato con quanta passione, entusiasmo e dedizione sia Angelo Gamba che Simone Raineri, i nostri nuovi allenatori, abbiano preparato e seguito i ragazzi in questa due giorni di gare. Per quanto concerne i nostri giovani atleti tutti hanno dato il loro massimo ed hanno dimostrato di essere un vero gruppo, una squadra unita e determinata a migliorare in fretta. Certo la sorpresa bronzea di Marsida e la finale conquistata da Mario e Riccardo danno ancora più morale per la crescita tecnica ed agonistica di tutto il gruppo”.

Si torna in acqua, intensificando la preparazione in vista dei prossimi appuntamenti agonistici. Prossima tappa a Gavirate, per la prima uscita regionale.

Luana Porfido – Ufficio Stampa Società Canottieri Baldesio