Moltrasio di nuovo giovane e mondiale con le ragazze del vivaio

DSC_4792Una settimana indimenticabile per la Canottieri Moltrasio, anche se in realtà sono ormai anni che i ragazzi di questa società fanno sognare un piccolo paese del Lario e rendono tangibile e d’oro il lavoro e la fatica ai remi. Questa volta il metallo più prezioso nella massima competizione internazionale giovanile, i Mondiali Junior di Racice, arriva da due ragazze letteralmente cresciute sulle barche bianconere.

MP3_9035Nadine Agyemang-Heard, al secondo anno della categoria Ragazze, allieva imbattibile e già 5 volte tricolore in due anni, e Giulia Clerici, addirittura passata in questa stagione dal settore giovanile a quello agonistico, sono campionesse iridate del quattro con, la prima come imperturbabile capovoga, la seconda come grintosa timoniera (e sui remi è già bicampionessa italiana, quindi è solo questione di ruoli). Nadine e Giulia, con le campagne azzurre Clara Massaria, Lucrezia Baudino e Beatrice Giuliani, hanno lasciato sfogare l’Ucraina, infilato l’Australia e preso il comando con una sicurezza che le ha portate a completare una gara iniziata alla grande fin dalla batteria (primo tempo di accesso in finale).

DSC_5706Un oro meraviglioso anche perché seguito immediatamente da quello degli omologhi del 4+ maschile e soprattutto dall’argento in volata del quattro senza della loro compagna di Nazionale e società, Arianna Passini. Proprio la bionda lecchese, arrivata l’anno scorso tra le fila moltrasine con cui ha conquistato già 4 campionati italiani e 1 bronzo alla Coupe de la Jeunesse, con le azzurrine Khadja Alaidi El Idrissi, Vittoria Tonoli, Chiara Di Pede ha dato vita a una delle gare più emozionanti, sferrando l’attacco negli ultimi metri, fatale per le neozelandesi e appena appena ritardato contro le americane poi d’oro.

Questi risultati arrivano appena una settimana dopo che Filippo Mondelli, grande orgoglio Moltrasio ora finalmente condiviso con le Fiamme Gialle, si è laureato per il secondo anno consecutivo campione assoluto d’Europa su barche olimpiche (l’anno scorso sul doppio, quest’anno sul quattro di coppia). Senza dimenticare le 3 medaglie alla Coupe de la Jeunesse degli junior Michele Piffaretti, Yuri Zerboni, Edoardo Rimoldi (questi ultimi anche argento europeo junior), la convocazione in azzurro e le finali mondiali raggiunte o quasi dagli U23 Matteo Della Valle, Andrea e Marta Barelli, Elisa Mondelli, i 4 titoli tricolori proprio dei campioni azzurri Mondelli, Agyemang-Heard, Clerici e Passini e infine la vittoria del Medagliere del Festival dei Giovani con 14 ori firmati da Allievi e Cadetti soprattutto al femminile.

Un elenco di risultati che fa impressione, considerati gli spazi e i numeri della Canottieri Moltrasio, presieduta da ormai 30 anni da Alessandro Donegana e allenata da oltre una decade da Alberto Tabacco, affiancato dai figli Davide ed Emanuela, da Carlo Del Piccolo e Stefano Luoni.

MP3_6710Pur nella continuità di risultati internazionali ma mancati dal 2010 ad oggi, erano 6 anni che non arrivava il massimo titolo junior, festeggiato nel 2011 e 2012 grazie a Guglielmo Carcano sull’8+, e c’è anche una curiosità che dà ulteriore lustro al paese comasco: Giulia Clerici è la prima moltrasina nel vero senso della parola, cioè residente in paese, a conquistare un titolo così importante. Tutta la squadra però, indipendentemente dalla provenienza, porta i colori bianconeri con orgoglio e non finisce mai di stupire per voglia di fare e voglia di emulare quella che ormai è una corsa all’oro e all’azzurro, spronata dalla presenza e la semplicità di un ragazzo come Filippo Mondelli, dalla costanza ed efficacia di Nadine, Giulia, Arianna e dai sogni di tutti i piccoli e grandi canottieri moltrasini..

Francesca Caminada                                                                                       Moltrasio, 13-08-2018
Addetta stampa Canottieri Moltrasio