Coupe de la Jeunesse: otto medaglie, tre d’oro, per la Lombardia a Corgeno

4x junior m coupe 19Un successo assoluto per la Lombardia, teatro della trentacinquesima edizione della Coupe de la Jeunesse ospitata da venerdì 2 a domenica 4 agosto sulle acque del Lago di Comabbio sotto la regia tecnica della Canottieri Corgeno. L’evento internazionale ha conquistato tutte e sedici le nazioni, con l’Italia prima assoluta nella classifica finale a distanza di quattro anni dall’ultima vittoria messa a segno in Ungheria nel 2015. Buone performance dalle società lombarde, protagoniste nel medagliere con tre ori, un argento e quattro bronzi.

Vittoria nella prima giornata, bronzo nella seconda, per Simone Mantegazza (Moto Guzzi), titolare nel quattro senza junior maschile. Con lui Riccardo Venturini (CUS Ferrara), Adriano Reali (Limite) ed Emile Sassi (Armida).

Oro e argento per una manciata di decimi a Giovanni Borgonovo (Cernobbio) in azzurro col quattro di coppia maschile insieme a Gabriele Loconsole (CUS Bari), Andrea Licatalosi (Murcarolo), Andrea Pazzagli (Viareggio).

4x junior f coupe 19Bronzo in prima giornata, oro nella seconda, per Sara Borghi, Alice Codato, Matilde Sturaro (Canottieri Gavirate), in gara con Giada Danovaro (Rowing Club Genovese). Il quadruplo, dopo il bronzo, ha acquistato fiducia e nella seconda giornata non ha avuto rivali.

Buona performance anche dalle riserve, i padroni di casa Cristian Bertesago ed Edoardo Caramaschi (Corgeno), sempre sul podio nella regata riservata.

Doppio bronzo infine per la canottieri Lario, medagliata alla Coupe grazie a Giulio Campioni chiamato sull’ammiraglia. A completare l’equipaggio Mattia Francesco Sorbino (CRV Italia), Alessandro Bernardini (VVF Tomei), Vittorio Savino (CC Tirrenia Todaro), Andrea Verrone (CC Saturnia), Filippo Dinardo (CUS Ferrara), Luca Vicino, Marco Vicino e il timoniere Giovanni Di Francia (CRV Italia).

Impeccabile l’organizzazione, con la ciliegina sulla torta possibile grazie alla diretta Rai che ha trasmesso le regate live sul maxischermo. Commenta il successo organizzativo il Presidente della Coupe de la Jeunesse, il britannico Gary Harris: “Quest’anno è stata un’edizione straordinaria per organizzazione e qualità. Complimenti agli atleti, alle nazioni partecipanti e la Federazione Italiana Canottaggio. Infine applausi per la Canottieri Corgeno, regista eccezionale con volontari davvero entusiasti. Il motore del successo”.

Lombardia ancora regina in chiave organizzativa, in attesa di tifare il remo juniores in viaggio verso Tokyo per i Mondiali di categoria.

Luca Broggini