FISA conferma gli eventi italiani

Buone e rassicuranti novità per il movimento remiero italiano, ancora in subbuglio a seguito dell’esplosione del Coronavirus. Il fenomeno, costantemente monitorato dalle autorità locali, è anche sotto la lente d’ingrandimento della FISA che dopo aver riunito il Comitato Esecutivo ha emanato una serie di decisioni che portano luce sull’Italia. In calendario infatti ci sono quattro eventi internazionali, tutti confermati. L’unico annullamento riguarda Asia ed Oceania che non potranno disputare la loro ultima qualificazione olimpica e paralimpica continentale precedentemente programmata tra il 27 e il 30 aprile.

Aprile e maggio per l’Italia saranno due mesi molto caldi. Il taglio del nastro spetterà a Sabaudia, teatro della Prima Prova di Coppa del Mondo tra il 10 e il 12 aprile. Il testimone verrà poi passato alla Schiranna di Varese, nuovamente regista mondiale con la European Olympic and Paralympic Qualification Regatta (27-29 aprile) e la Seconda Coppa del Mondo (1-3 Maggio). La settimana successiva, più precisamente tra l’8 e il 10 maggio, tutti a Gavirate alla Regata Internazionale ParaRowing, ultima qualificazione paralimpica mondiale per Tokyo 2020.

Alta l’attenzione del Presidente FISA Jean Christophe Rolland e dal Direttore Esecutivo Matt Smith. “La situazione in Italia si sta evolvendo ogni giorno con sforzi tangibili da parte delle autorità governative per contenere l’esplosione nel Nord Italia. La situazione nelle città di Sabaudia, Varese e Gavirate è attualmente classificata a basso rischio poiché lo scoppio è avvenuto in altre città del Nord Italia e gli sforzi di contenimento sono concentrati su quelle città. Al momento non siamo a conoscenza di restrizioni di viaggio. Questi eventi FISA sono confermati, come previsto. Tuttavia, poiché la situazione si sta evolvendo rapidamente, la FISA continua a monitorare la situazione su base giornaliera”.

Notizie rassicuranti, che spingono i COL a concentrare gli sforzi per lasciare nuovi ricordi indimenticabili al canottaggio mondiale.

 

Luca Broggini