DiBi: mascherine per tutti, in ordine di priorità

Il suono della macchine per taglio e cucito batte interrottamente nel quartier generale DiBi, a Besozzo di Varese. In regia uno staff formidabile che continua a produrre con l’obiettivo di poter contribuire alla vittoria di questa nuova battaglia. In questi giorni è cambiato tutto, la produzione dell’abbigliamento sportivo ha lasciato spazio alla realizzazione delle mascherine protettive.  Dal lancio di sabato ad oggi sono tante le realtà che hanno scelto DiBi, da quarant’anni sinonimo di qualità. Aziende e privati, oltre ad associazioni ed istituzioni. Dirigenza e staff ci stanno mettendo il cuore, oltre ad esperienza e conoscenze. Le commesse vengono evase seguendo una precisa scala di priorità, necessaria per garantire ordine e precisione. Priorità assoluta per le strutture sanitarie, a seguire forze dell’ordine, aziende e privati. Una scelta che rispecchia le esigenze del momento, con i privati che nella maggior parte dei casi trascorrono gran parte della giornata presso la propria dimora.

La macchina organizzativa ha costruito una vera e propria struttura operativa. La strada è tracciata, ora va solo percorsa con la speranza che questa emergenza possa finire il più preso possibile.

Luca Broggini