“Giocando con i Campioni” conquista il cuore: i cadetti lombardi ora rincorrono gli azzurri

Chiuso il sipario sull’innovativo progetto “Giocando con i Campioni” ideato e organizzato dal Comitato FIC Lombardia per supportare attivamente le società durante l’emergenza Covid-19. Il progetto, rivolto al settore giovanile che rappresenta il futuro del canottaggio italiano, è stato articolato su allenamenti virtuali a corpo libero aperti a tutti i sodalizi lombardi. Ricca partecipazione ad ogni incontro, con una media di 100 presenze e punte che hanno raggiunto anche quota 170. A condurre le singole sessioni lo staff tecnico regionale guidato dal Capo Settore Davide Tabacco, con la preziosa collaborazione di Sabrina Noseda, Francesco Fumagalli e Stefano Gandola. A farla da padrone è sempre stato il confronto costruttivo, accompagnato all’entusiasmo di poter condividere gli allenamenti con gli “avversari” delle altre società. Una stimolante condivisione, come quella dimostrata dai campioni del territorio che si sono alternati ai vari appuntamenti per raccontare la loro storia in un’intervista a margine dell’allenamento. Una chiacchierata fuori dal coro, dove oltre all’intervistatore tutti avevano la possibilità di fare domande. Si è parlato di canottaggio, ma soprattutto dei percorsi affrontati per raggiungere traguardi mondiali e olimpici. Protagonisti Filippo Mondelli (Moltrasio e Fiamme Gialle), Federica Cesarini (Gavirate e Fiamme Oro), Andrea Panizza (Moto Guzzi e Fiamme Gialle), Sara Bertolasi (Milano), Alessandra Montesano (Eridanea e Fiamme Gialle), ed infine tre giovani juniores che nel 2019 sulle acque di Tokyo hanno conquistato l’argento iridato con una formazione lombarda per tre quarti, come quella assoluta: Leonardo Tedoldi (Retica), Jacopo Mascitelli (Milano), Lorenzo Manigrasso (Tritium). I campioni, con le loro storie, sono stati di grado di appassionare e commuovere. I presenti hanno potuto ripercorrere gare iridate e scoprire segreti, piccoli aiuti che possono contribuire alla crescita dando nuova energia per la ripartenza ai remi.