Gavirate d’oro all’Europeo Juniores, è festa in Lombardia

Un oro e un bronzo per il remo lombardo ai Campionati Europei Juniores disputati nel weekend a Monaco, in Germania. L’evento continentale, l’ultimo della stagione internazionale, ha regalato nuove soddisfazioni al remo bianco verde con l’acuto della Canottieri Gavirate che con un equipaggio interamente societario ha trascinato l’Italia alla vittoria. Protagonista il “quattro con” femminile composto da Aurora Spirito, Caterina Monteggia, Vittoria Calabrese, Alice Codato e la timoniera Martina Barili. L’equipaggio, il più forte d’Italia con la vittoria del titolo tricolore, non ha lasciato spazio a nessuno andandosi a prendere uno splendido oro. Argento alla Germania e bronzo all’Ungheria.

Il secondo acuto porta la firma del quattro di coppia femminile con Bissolati in prima fila grazie a Susanna Pedrola. Al suo fianco Giulia Bosio (Esperia), Alice Gnatta (CC Lignano) e Francesca Rubeo (CC Aniene). Il quadruplo, secondo in batteria e primo ai recuperi, ha chiuso al terzo posto dopo una finale disputata con grinta. Oro alla Romania e argento alla Svizzera.

Quarto posto acciuffato coi denti per Giulia Clerici (Moltrasio), portabandiera azzurra nella specialità del singolo. Seconda in batteria, seconda in semifinale, ha chiuso la kermesse continentale ai piedi del podio. Stesso risultato anche per l’ammiraglia femminile con a bordo Elisa Marca (Canottieri Eridanea).

Quinto posto per il doppio femminile che ha segnato il ritorno della Canottieri Mincio sulla scena internazionale. Protagoniste appunto Alice Bussacchetti (Mincio), in coppia con Edda Volponi (Adria).

Quinta piazza anche per il quattro di coppia maschile, lombardo per tre quarti. A bordo Marco Gandola, Matteo Belgeri (US Bellagina), Nicolò Bizzozero (SC Gavirate).

Chiude la carrellata regionale l’ammiraglia maschile giunta in finale dopo un recupero da brividi ma poi quinta assoluta. Protagonisti Giacomo Pappalardo e il timoniere Lorenzo Fanchi (Varese), Nicolo’ Bacci, Emanuele Meliani (Cavallini), Stefano Pinsone (Cerea), Giorgio Maddaloni, Santo Zaffiro (Savoia), Giovanni Melegari (Murcarolo), Luigi Fragomeno (Napoli)