La Canottieri Sebino a Candia – Pioggia di medaglie per i giovanissimi

LA CANOTTIERI SEBINO A CANDIA  

MEETING NAZIONALE DI SOCIETA’- UNIVERSITARI –  MASTER – NORD OVEST 2021

 2117 ATLETI – 1113 EQUIPAGGI –  60 SOCIETÀ – 233 GARE

PIOGGIA DI MEDAGLIE PER I GIOVANISSIMI DELLA SEBINO

1 ORO – 4 ARGENTI – 3 BRONZI

I PICCOLI CANOTTIERI CRESCONO

IL CANOTTAGGIO ITALIANO FA LA VOCE GROSSA E CALA ….

UN TRIS D’ASSI: CANDIA – S. GIORGIO DI NOGARO – SABAUDIA

Di nuovo in acqua, di nuovo gare a colpi di remi.

Tre le sedi nazionali che hanno ospitato in questo fine settimana confronti remieri ad alto livello:

  • Candia in Piemonte per le Società del Nord Ovest
  • San Giorgio di Nogaro in Friuli per le Società del Nord Est
  • Sabaudia per le Società del Centro Sud

Tre località diverse unite dalla voglia di fare festa e remare in sicurezza e a distanza.

Questi i numeri complessivi dei tre eventi nazionali:

  • 300 iscritti
  • 119 le Società italiane impegnante nella kermesse remiera:
    • 60 Società partecipanti a Candia
    • 39 a Sabaudia
    • 20 a San Giorgio di Nogaro.

I tre Meeting Nazionali di Società, Giovanili e Master sono stati anche l’occasione per vedere nuovamente in azione gli equipaggi regionali. In tutti e tre i teatri nazionali remieri erano in programma le competizioni riservate alle selezioni dei Comitati Regionali, nelle specialità del quattro senza e quattro di coppia Cadetti, sia maschile che femminile.

Nove regioni in gara con i colori del Comitato Regionale: Campania, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia-Basilicata, Sicilia e Veneto, queste le regioni che hanno schierato al via dei tre Meeting i rispettivi equipaggi.

Domenica a Candia ha debuttato anche la nuova tribù cadetti bianco verde Lombardia del Presidente Leonardo Binda,  Andrea Benecchi Coordinatore Tecnico Regionale e Davide Tabacco Capo Settore Cadetti.La kermesse giovanile, la prima assoluta in chiave nazionale dopo lo stop imposto dalla pandemia, lancia anche il nuovo quadriennio del Comitato FIC Lombardia che proprio dalle acque piemontesi inizia a remare verso i Giochi di Parigi 2024.

Ventiquattro convocati, dodici uomini e dodici donne, tesserati per dodici sodalizi regionali.

 

MEETING NAZIONALE DI SOCIETA’ UNIVERSITARI E MASTER NORD OVEST CANDIA 2021

A Candia è il Club Remiero Torinese SC Cerea quello con il maggior numero di ragazzi e ragazze al seguito, ben 92, 91 invece per i cugini della SC Armida e 87 per quelli della SC Esperia altro sodalizio remiero di Torino.

Un fine settimana impagabile, in questo momento così avverso, da vivere all’aria aperta remando, nonostante le “porte chiuse” agli spettatori.

E VENIAMO ALLA CANOTTIERI SEBINO DI LOVERE (LAGO D’ISEO)

A CANDIA : SODDISFAZIONE, SOLE E PIOGGIA DI MEDAGLIE PER I GIOVANISSIMI DELLA SEBINO

8 MEDAGLIE: 1 ORO – 4 ARGENTI  – 3 BRONZI

I PICCOLI CANOTTIERI CRESCONO

Una vera e propria armata a remi è partita il 27 marzo dal lago d’Iseo verso il Piemonte alla volta del lago di Candia per il Meeting Nazionale Società Universitarie e Master del Nord Ovest.

 

27 equipaggi per un totale di 17 atleti appartenenti alle categorie:

  • giovanissimi over 10 anni,
  • agonisti under 17 e over 17 anni
  • Master over 27 anni
  • Pararowing

Oltre ai canottieri Sebini, in gara per la provincia di Bergamo anche 2 atlete del CUS Bergamo Sara Frattini, cresciuta nella Canottieri Sebino, e Bulgheroni Benedetta presenti nel Doppio Over 17 (18 – 45 anni) che nella loro gara su 6 equipaggi hanno concluso al 1° posto in tutta sicurezza mai in discussione la loro prima posizione durante tutta la gara.

La Società Canottieri Sebino è orgogliosa dei suoi atleti ed allenatori. 

Molti i risultati positivi che consentono di guardare con ottimismo ai prossimi traguardi.

Bellissimo soprattutto il battesimo dell’acqua di alcuni nostri giovani atleti, l’entusiasmo per le prime medaglie, lo sforzo di tutti per completare la gara, il sostegno di vogatori più esperti che hanno condiviso equipaggi sperimentali tra atleti di differenti abilità, età e sesso.

E’ stata una gioia e una soddisfazione collettiva perché la squadra della Sebino, nel suo complesso, ha raccolto molte medaglie frutto di un ottimo lavoro e di un gruppo compatto.

 

Passo dopo passo i piccoli canottieri Sebini crescono e crescono bene.

Brave ragazze, bravi ragazzi, avanti cosi, con la passione verso la Canottieri Sebino nel suo 113° anno dalla fondazione, ad onorare il motto sociale “AB UNDIS VIRTUS ET VITA”.

 

I NUMERI DELLA SEBINO A CANDIA

Nei due giorni di gara, batterie e finali senza soluzione di continuità, su un campo di regata quasi sempre tranquillo salvo il vento teso laterale e l’acqua mossa che hanno reso alcune gare più difficoltose.

25 gare

17 atleti

27 equipaggi

8 MEDAGLIE: 1 ORO – 4 ARGENTI – 3 BRONZI

La diretta streaming sulla pagina Facebook della Federazione Italiana Canottaggio ha consentito di seguire le gare da casa anche ad appassionati e genitori, non presenti sul campo di regata per le limitazioni dovute alla pandemia.

Nella prima giornata di gare la Sebino qualifica con grande soddisfazione nelle batterie quasi tutti gli equipaggi per la finale.

Tra le prime atlete della Sebino a scendere in acqua per la finale Vittoria Bertoni e Kristin Brighenti nel doppio Allievi C femminile.

Primo inconveniente della giornata: l’armo della Sebino si accorge ormai in acqua del grave errore di gareggiare con i remi di un’altra imbarcazione e quindi poco adatti. Impossibilitate ormai a sostituirli, pena la squalifica per ritardo in partenza, facevano buon viso a cattiva sorte e partivano con estrema convinzione conducendo un testa a testa che gli consentiva di conservare e difendere la terza posizione dalla partenza al traguardo. Podio e ottima medaglia di bronzo, inevitabile però il distacco dai primi due equipaggi, complice il madornale errore dello scambio di remi.

Esperimento per il quattro di coppia femminile con Marzella Elisa, Coronini Giulia, Manenti Anna, Quattrone Margherita.

Anche qui la sfortuna ci ha davvero messo lo zampino perché l’equipaggio femminile della Sebino partito subito in testa, mentre controllava con sicurezza la gara, ai 600 mt dalla partenza entrava in collisione con i remi di un equipaggio avversario che non manteneva la direzione invadendo l’acqua dell’armo della Sebino. A causa della manovra dell’equipaggio avversario, inutilmente richiamato per il cambio di direzione dal Giudice di gara, il quattro della Sebino era costretto a fermare la sua corsa e a ripartire da fermo e dall’ultima posizione, ma non si perdeva d’animo e con moltissima grinta con una gara tutta in rincorsa riusciva a conquistare ancora il podio piombando sul traguardo in terza posizione, medaglia di bronzo, a ridosso delle seconde per soli 96 centesimi.

“Arrivate più che stanche, anzi stanchissime” queste le dichiarazioni all’arrivo delle atlete Sebine per aver dato il massimo come si conviene con spirito agonistico guerriero nelle gare di livello, deluse per l’imprevisto, ma soddisfatte dell’inatteso e sorprendente risultato su un quattro di coppia, imbarcazione armonica e veloce, non facile da gestire in termini di assieme soprattutto per atlete giovani.

Incredibile medaglia di bronzo che, senza l’infortunio occorso avrebbe potuto essere tranquillamente d’oro. Buona la prima per il quartetto femminile delle felici e allegre diavolette, di nome e di fatto, della Sebino.

Carizzoni Alessia nel singolo 7,20 conduce bene la gara sempre nelle posizioni di testa e conquista la medaglia di bronzo, seconda posizione e argento che sfumano per soli 6 secondi.

Finale, guadagnata dopo le batterie della mattina, per l’inedito doppio Open mix (maschile e femminile) categoria 15/45 anni Maryam Afgei con Daniele Sbardolini.

La Sebino si presenta alla partenza con la giovane e medagliata mondiale atleta pararower Maryam Afgei di 17 anni capovoga e Daniele Sbardolini, atleta navigato per le sue oltre 100 gare disputate in carriera, in qualità di prodiere di 29 anni.

L’armo bianco azzurro Sebino è  in acqua 6 all’esterno del campo di regata. Grande equilibrio in acqua dopo la scrematura delle batterie della mattina. Al centro del percorso conduce e fa l’andatura l’equipaggio del Rowing Club Genova che mette subito metri e luce sugli altri equipaggi. A seguire in lotta per la seconda posizione gli Amici del Fiume e la Lega Navale Sestri Ponente.

La Sebino si mantiene tra la terza e la quarta posizione ma soffre il vento laterale, più degli altri equipaggi in gara, essendo in acqua esterna. Maryam Afgei detta il ritmo e tiene comunque un passo sostenuto riuscendo a difendere la posizione. Negli ultimi 50 mt l’equipaggio del Rowing Club Genova, nonostante il vantaggio acquisito, aumenta la velocità in acqua e piomba in sicurezza sul traguardo. Conquista la seconda piazza la Lega Navale Italiana Sestri Ponente, completa il podio il CUS Torino e leggermente più attardata la Sebino che chiude in quinta posizione al fotofinish a 2 centesimi dal 4° posto lasciando alle spalle per soli 98 centesimi l’equipaggio della Amici del Fiume che tallonavo stretto l’armo Sebino.

Sabrina Maffezzoni, non ancora diciassettenne della Sebino sul singolo Junior Under 17 alle prime esperienze agonistiche, si confronta sulla distanza dei 2000 mt nella finale a sei equipaggi di sabato in acqua 4 si classifica al 4° posto dopo che l’atleta Sebina aveva vinto poche ore prima in bella sicurezza la sua batteria di qualificazione del singolo Junior Under 17 infliggendo ben 13 secondi a Elisa Colombo della Tritium.

Questa la cronaca della gara. In finale si presentano equipaggi forti e decisi e la sfida si fa più dura. Agli ultimi 500 mt al centro del campo di regata c’è grande equilibrio con la Canottieri Monate che controlla e conduce con un bel vantaggio sui due equipaggi in gara della Canottieri Arolo.

La Sebino tallona in quarta posizione. Ai 300 mt dall’arrivo ancora tutto aperto con una bella sfida tra gli equipaggi della Monate e della Arolo che si avvicinano e tentano di imporre l’andatura. I due equipaggi dell’Arolo in acqua 1 e 2 reagiscono e recuperano il gap, raggiungono la Monate e con scioltezza e ritmo mettono addirittura luce grazie ai colpi battuti più fluidi ed efficaci. E’ così che Giulia Grandi della Arolo va a vincere la medaglia d’oro, segue l’altro equipaggio dell’Arolo con una doppietta tutta casalinga e medaglia d’argento con la Monate in terza posizione.

La Maffezzoni della Sebino mantiene il passo per tutta la gara e conquista la quarta posizione, tenendo a bada la Canottieri Tritium quinta e la Canottieri Pallanza sesta.

Staffoni Federico impegnato a Candia nel Singolo Over 17 Senior B conquista la finale dove, in una gara combattuta giunge quarto.  “Divertito, ma con l’amaro in bocca per aver di poco sfiorato il podio” così dice l’atleta diciottenne della Sebino. Avrà l’occasione di provare a rifarsi sul doppio misto nella gara di domenica.

Domenica lago piatto senza onde con vento debole, sole e caldo per questa ultima giornata di finali.

Le quattro diavolette della Sebino subito in acqua questa volta da sole nel Singolo 7,20 Cadetti Femminile in un susseguirsi di emozioni.  Le danze iniziano con le gare sui 1500 mt.

Prima a scendere in barca è Coronini Giulia 14 anni nel 2021, ultimo anno per lei prima della categoria agonistica Ragazzi, in acqua 4 al centro del campo di gara. Dai 750 mt, di metà gara, ai 1000 mt Eridanea e Sebino con Caldè e Bissolati conducono e fanno l’andatura. Ai 1000 mt la lotta per il podio si accende e vede all’arrivo in ordine Eridanea, Bissolati e Caldè, la Sebino cede nel finale e giunge in sesta posizione.

E’ poi la volta di Manenti Anna in acqua 4 per la Sebino.  Baldesio, Moltrasio e Milano conquistano subito le posizioni di testa con la Sebino che rinviene bene e tiene il passo, Anna vuole a tutti i costi il podio ma termina, con onore, in quarta posizione per soli 3 secondi e 42 centesimi.

Sempre nel Singolo 7,20 in acqua 1 tocca a Quattrone Margherita per la Sebino con Menaggio e Moltrasio nelle prime posizioni e all’esterno Bissolati e S. Stefano. Oro per Menaggio, argento per Moltrasio e bronzo per S. Stefano al Mare, sesta posizione per la Sebino.

Chiude le finali del 7,20 in acqua 1, con un fantastico assolo, Elisa Marzella stella della Sebino spesso e volentieri sul podio. Partita bene Elisa, contrastata dall’atleta della Caprera a centro campo, fa l’andatura sugli altri equipaggi.  Ai 750 mt Elisa si gira per controllare la direzione, la sua coda bionda è scompigliata dal vento, è sicura nella passata in acqua e la sua imbarcazione prende luce. Con grande personalità davanti all’armo della Caprera, Elisa aumenta ancora i colpi negli ultimi 50 mt con una remata lunga e forte. Senza affanno in un bel rush finale, dove sprigiona tutti i suoi cavalli, Elisa non si accontenta della prima posizione e cerca il riscontro cronometrico … infliggerà ben 22 secondi e 99 centesimi alla Caprera. Arriva con il tempo di 6:54:08 in assoluta solitudine incontrastata ed è, ancora una volta, oro per questa atleta decisa e convinta. Seguono a completare il podio Caprera, medaglia d’argento e Canottieri Milano con il bronzo.

Finale a 6 equipaggi per il quattro di coppia Cadetti Maschile della Sebino. A questa gara la Canottieri Sebino partecipa con Maffezzoni Dario e Bigoni Tommaso in misto con due atleti della Moltrasio, Perlasca Serse e Guanziroli Lucas, a completare l’imbarcazione.  La Canottieri Milano al centro del campo di regata detta il ritmo con un discreto distacco su Esperia in seconda posizione e terza piazza contesa tra Luino e Monate. Nulla cambia durante tutto il percorso che resta a posizioni immutate fino all’arrivo. Il misto Sebino – Moltrasio giunge sesto sul traguardo dietro all’armo dell’Armida.

Si prosegue con il singolo 7,20 Allievi C femminile che vede in acqua la sorridente e decisa atleta tredicenne della Sebino Brighenti Kristin. L’equipaggio della Baldesio in acqua quattro e della Sebino in acqua sei si mettono subito in evidenza e dettano legge a Caprera, Monate e Cannobio. La Baldesio viene incalzata dalla Sebino con Brighenti Kristin a sua volta inseguita dalla Caprera. Sul finale prende ulteriore vantaggio la Baldesio ed assistiamo ad una bella lotta per la seconda e la terza posizione tra Sebino e Caprera che tenta di rinvenire. Il carattere e la forza di Kristin prevalgono, aumenta il distacco sulla Caprera e con mezza imbarcazione di luce Kristin taglia il traguardo e si mette al collo un bell’argento.

Gara 169 Singolo 7,20 Allievi C femminile, Bertoni Vittoria per la Sebino. Gara dura e combattuta lungo tutto il percorso tra Eridanea, Sebino e Verbanese che si contendono fin dalle fasi iniziali le prime posizioni. Seguono più attardate Cerea, Bissolati e Tritium . L’atleta della Sebino Bertoni Vittoria tiene bene il passo e convince. Nelle battute finali deve però cedere acqua a Truzzi Arianna dell’Eridanea che va a vincere con 7 secondi di vantaggio sull’atleta Sebina che taglia il traguardo in sicurezza in seconda posizione ed è medaglia d’argento.

Gara 185 finale 1 Singolo 7,20 Allievi B1 scendono in acqua i vogatori più piccoli della manifestazione classe 2010 di soli 11 anni, il futuro del nostro canottaggio, tra cui Figaroli Nicola della Sebino che giunge quinto sul traguardo in una gara condotta in testa dall’inizio alla fine dall’atleta della Canottieri Candia seguito da Moto Guzzi e Monate.

Gara 210 Singolo 7,20 Allievi B2 Femminile con Carizzoni Alessia nella finale a 5 equipaggi. Una gara condotta dalle pale gialle della Canottieri Luino contrastata, a centro campo, solo dall’atleta Sebina Alessia che con determinazione conquista la medaglia d’argento con un finale fluido, leggero e potente.

Gara 224 Quattro di coppia Open (15 – 45 anni) Mix (maschile e femminile) la Canottieri Sebino partecipa con Maryam Afgei prodiere, alla sua terza gara in soli due giorni sull’armo misto Canottieri Pescate e Olona. L’equipaggio dell’Arolo parte in testa e fa il vuoto inseguito dal misto Canottieri Sebino Pescate e Olona che, senza insediare la prima posizione, tiene il passo e controlla gli altri equipaggi. Chiude in solitaria l’armo dell’Arolo, a breve distanza il misto di Afgei serra gli ultimi colpi per difendere, senza eccessiva preoccupazione, la seconda posizione dall’attacco a centrocampo dell’Olona seguito da Amici del Fiume.

CONCLUSIONI E BILANCIO DEL MEETING SOCIETA’ DEL NORD OVEST DI CANDIA

Due giorni intensi dove gli atleti del Nord Ovest si sono confrontati in 233 bellissime gare, presenti tutte le categorie dai giovanissimi, a partire dai 10 anni di età, agli agonisti under 17 e over 17 anni, ai Master over 27 anni e agli atleti Pararowing.

Ecco lo spirito e l’essenza del canottaggio, uno sport che unisce e mette in acqua insieme, anche sulla stessa barca, uomini e donne di diverse capacità ed età con equipaggi inediti di vogatori dai 15 ai 45 anni … tutto lo scenario pensabile e immaginabile è diventato realtà sulle acque piemontesi del lago di Candia.

32 medaglie d’oro sono state appannaggio di sole sei società: davanti a tutte la SC Varese con 7 ori, a seguire, con 5 vittorie a testa, sono altri cinque sodalizi: quattro lombarde, Canottieri Gavirate, SC Baldesio, SC Bissolati e SC Menaggio, e una piemontese, la SC Armida.

Nel medagliere complessivo, infine, troviamo ai primi cinque posti, nella top five di tutte le categorie, la SC Varese, con 15 medaglie (7 oro, 3 argento, 5 bronzo), seguita dalla Canottieri Gavirate con 14 medaglie (5 oro, 6 argento, 3 bronzo) e da SC Cerea con 10 medaglie (2 oro, 3 argento, 5 bronzo).

A seguire in classifica troviamo SC Armida con 9 medaglie (5 oro, 2 argento, 2 bronzo), con lo stesso identico bottino e composizione di medaglie la SC Baldesio.

Fa la voce grossa la Lombardia che si è aggiudicata complessivamente 6 medaglie (3 oro, 2 argento, 1 bronzo), seguita nel medagliere dalle formazioni di Piemonte, con 3 medaglie (1 oro, 1 argento, 1 bronzo), e Liguria con due medaglie (1 argento, 1 bronzo).

Candia incorona il canottaggio lombardo – 104 volte d’oro – che torna protagonista assoluto dopo un anno di stop imposto dalla pandemia.

Ad aggiudicarsi il medagliere regionale è stata la Canottieri Varese, protagonista con quattordici vittorie in due giornate. Segue con undici successi la Canottieri Baldesio di Cremona. Al terzo posto in chiave regionale brilla la Canottieri Luino con nove vittorie. Otto i successi per la Canottieri Gavirate. Menaggio e Moto Guzzi s’impongono con sei successi a testa. Cinque ori a De Bastiani, Lecco e Corgeno. Quattro alla Canottieri Cernobbio. Tripletta per Caldè, Bissolati, Milano, Tremezzina, Arolo ed Eridanea. Doppia vittoria a Germignaga, CUS Milano ed Idroscalo.

Chiudono il medagliere regionale con una vittoria a ciascuno Carate Urio, CUS Bergamo, Flora, La Sportiva, Monate, Pescate e Sebino.

Una partenza con i fiocchi per il remo bianco verde che da Candia corre spedito verso i prossimi appuntamenti stagionali a partire dal 9/11 aprile dove Varese farà da scenario ai Campionati Europei Senior e Pesi Leggeri e alle qualificazioni Olimpiche e Paralimpiche.

A seguire i Meeting Nazionali di Società – dall’8 e 9 maggio – con le gare programmate per il Nord Ovest a Gavirate, per il Nord Est a Standiana e per il Centro Sud nuovamente a Sabaudia.

Lovere, 29 marzo 2021