Lombardia: quattordici biancoverdi sul podio

Tre ori, un argento e un bronzo per gli atleti lombardi convocati in azzurro dal DT Cattaneo alla terza prova di Coppa del Mondo disputata a Sabaudia nel weekend. La kermesse mondiale, ultima tappa prima dei Giochi Olimpici di Tokyo, ha premiato fortemente il territorio bianco verde rappresentato da un plotone di atleti anche tra gli under23. Quattordici in totale i medagliati casalinghi

Gara impeccabile per il quattro di coppa maschile, nuovamente d’oro come per gli Europei di Varese. A siglare il successo Giacomo Gentili (Bissolati/Fiamme Gialle), Andrea Panizza (Moto Guzzi/Fiamme Gialle), Luca Rambaldi e Simone Venier (Fiamme Gialle).

Il secondo oro porta la firma dei pesi leggeri, protagonisti in quattro di coppia. A siglare il successo sono stati Patrick Rocek (Lario), Giovanni Borgonovo (Cernobbio), Matteo Mulas (CUS Pavia) e Antonio Vicino (Marina Militare). Nella stessa specialità oro anche per il settore femminile con la veterana Arianna Noseda (Fiamme Rosse/Lario), protagonista insieme a Greta Martinelli (Tremezzina), Elena Sali (Bissolati) e Arianna Passini (Moltrasio).

Continua il vento a favore del nuovo quattro di coppa femminile capitanato dalla leonessa di Casalmaggiore Alessandra Montesano (Eridanea/Fiamme Gialle). Dopo il bronzo di Lucerna a Sabaudia è arrivato l’argento insieme a Valentina Iseppi (Aniene), Veronica Lisi e Stefania Gobbi (Padova).

Medaglia d’argento anche per Federica Cesarini (Gavirate/Fiamme Oro), in coppia con Silvia Crosio (CUS Torino). Il duo, al debutto assoluto, è riuscito a tenere alto l’onore dell’Italia.  La cremonese Valentina Rodini, ferma ai box per un infortunio ha ottenuto l’idoneità al rientro proprio durante la Coppa del Mondo.

L’ultima medaglia porta la firma del due senza pesi leggeri maschile della Moto Guzzi formato da Simone Mantegazza e Simone Fasoli. Ad avere la meglio è stata la formazione azzurra siciliana, seconda l’Ungheria.