Festival dei Giovani 2021: grossi bottini per le società lombarde

Archiviato con successo il 32^ Festival dei Giovani disputato sulle acque del Lago di Varese alla Schiranna. Tre giornate di gare senza sosta, stroncate sul finale da un temporale che ha imposto l’annullamento delle ultime trenta sfide il riassunto dell’evento. Le 339 finali disputate hanno incoronato il remo regionale, protagonista nelle classifiche generali e nel medagliere. Quattro le società nella top ten. Seconda posizione per i padroni di casa della Canottieri Varese. Ottava la Canottieri Gavirate, nona la Canottieri Garda Salò e decima la Baldesio. Storia completamente diversa nel medagliere, vinto proprio dalla Baldesio con quindici medaglie d’oro. Qui al secondo posto in chiave regionale c’è la Canottieri Luino protagonista di dodici vittorie e diciannove podi con i diciannove atleti iscritti. Terza la Canottieri Garda Salò. Protagonismo lombardo anche nella graduatoria riservata alla Coppa Filippo Mondelli. Il premio, istituito quest’anno dalla Federazione Italiana Canottaggio e vinto dalla Canottieri Barion, premia il rapporto minor numero di atleti/maggior numero di podi. Seconda in questa classifica la Canottieri Lario, diciannove volte sul podio con solo dodici atleti al via. Terza la Canottieri Milano, trentuno volte sul podio con la sua squadra composta da ventuno tesserati.

Brutto colpo per la tribù cadetti del Comitato FIC Lombardia che si è vista annullare buona parte delle finali a causa del temporale. La squadra diretta dal Capo Settore Davide Tabacco è comunque riuscita ad acciuffare un oro con il quattro di coppia maschile formato da Riccardo Conte (Lago di Pusiano), Nicola Redaelli e Giovanni Valsecchi (Lecco), Giovanni Sasso (Baldesio). Completa il bottino l’argento del quattro senza femminile.

Varese ha riacceso il canottaggio giovanile italiano, ora la stagione è tutta per gli azzurri pronti a difendere l’Italia sui campi internazionali.

 

SPECIALE foto