Edizione record per la Canottieri Garda al Festival dei Giovani 

Il circolo salodiano festeggia i suoi 130 anni con 31 medaglie

Grande risultato di squadra per i ventisette atleti che hanno rappresentato la Canottieri Garda Salò alla 32^ edizione del Festival dei Giovani “Gian Antonio Romanini”, la più importante manifestazione remiera giovanile a livello nazionale per vogatori dai 9 ai 14 anni, che si è svolta dal 2 al 5 luglio a Schiranna, sul lago di Varese.

Su 127 società presenti, la Canottieri Garda si è classificata al 9° posto assoluto, 3° nella classifica femminile: un record per la società.

Con 11 ori, 8 argenti e 12 bronzi il più antico circolo del lago di Garda per la prima volta conclude infatti tra le prime dieci società.

Un altro storico successo – dopo le 9 medaglie conquistati ai recenti Campionati Italiani – per la Canottieri Garda Salò, che è nata proprio con il canottaggio 130 anni fa.

Sono stati tre intensi giorni di gare, in media una ogni tre minuti, tremila in totale, con la partecipazione di circa 1.700 atleti provenienti da tutto il territorio nazionale.

Rilevante il risultato di Giampietro Franchi, che ha conquistato quattro primi posti su quattro gare e di Attilio Storari, con tre vittorie su quattro gare disputate. Sia Nicola Pretto che Samuele Prati sono saliti due volte sul gradino più alto del podio, mentre hanno conquistato una vittoria anche Francesco ComolettiLuca Luteriani e Lucrezia Paris.

“Sono stati tre giorni davvero emozionanti, ogni ragazzo ha dato il massimo in ogni prova per il bene della squadra. La mentalità è stata quella giusta e questo festival si conferma il punto di partenza per tutti gli atleti“, commenta Matteo Pasini, allenatore della squadra giovanile della Canottieri Garda Salò.

Anche Stefano Melzani, direttore tecnico della squadra di canottaggio commenta: “Siamo partiti sperando di entrare nelle prime 20 posizioni ma mai avremmo pensato di conquistare la top ten. Per questo risultato il ringraziamento va esclusivamente agli atleti, ai genitori ma soprattutto a Matteo Pasini che, al suo primo anno nel ruolo di responsabile della sezione giovanile ha saputo far crescere la squadra con la voglia di competere divertendosi. In generale si chiude una prima parte di stagione straordinaria in cui abbiamo raccolto quanto di buono creato negli ultimi quattro anni. Ora sta a noi mettere gli obiettivi ancora più in alto e convincere sempre più ragazzi e ragazze che il canottaggio è uno sport fantastico, in cui ognuno può trovare il proprio spazio e crescere sia agonisticamente che come persona”.

In testa alla classifica generale si è posizionato il Circolo Canottieri Aniene, seguito dai padroni di casa della SC Varese e dai triestini del CC Saturnia.

UFFICIO STAMPA SOCIETÀ CANOTTIERI GARDA SALÒ